...continua dalla homepage

Come comportarsi in caso di esito positivo al test sierologico?

(pubblicato il 10/11/2020)

 

In caso di esito positivo al test sierologico eseguito in farmacia, è necessario restare in isolamento a domicilio, seguendo queste raccomandazioni fino all’esito del tampone.

La persona in isolamento deve:

  • rimanere al proprio domicilio, senza uscire di casa ed evitando contatti anche con i conviventi, il che significa evitare di stare nella stessa stanza con i conviventi e di spostarsi all’interno dell’abitazione. In ogni caso, mantenere una distanza non inferiore a 2 metri dagli altri;

  • utilizzare una stanza ed un bagno NON condivisi con altre persone, arieggiando frequentemente i locali. Se non è possibile l’uso esclusivo di un bagno, dopo ogni utilizzo deve essere effettuata una disinfezione delle superfici e dei sanitari con prodotti disinfettanti idonei (ES. candeggina diluita, ecc...) ed il locale deve essere arieggiato prima dell’accesso delle altre persone;

  • NON condividere con i conviventi gli oggetti (ES. telefono cellulare, personal computer, auricolari, cuffie, penne, libri, fogli, ecc…) o disinfettarli accuratamente dopo l’uso da parte della persona in isolamento;

  • se compaiono sintomi (febbre, tosse, sintomi respiratori) la persona in isolamento NON deve andare direttamente né in ambulatorio né al Pronto Soccorso, ma rivolgersi telefonicamente al proprio medico; in caso di urgenza chiamare il 118.


Per i lavoratori, questo periodo di isolamento, in base alle attuali disposizioni, non può essere coperto da malattia INPS, ad eccezione del personale scolastico.

In base all’ordinanza del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid n. 18 del 28.7.2020, infatti, per il personale scolastico docente e non docente di scuole pubbliche e private il periodo di assenza dal lavoro nel tempo che intercorre tra l’esito positivo al test sierologico e l’esito del tampone è equiparato alla quarantena e quindi può essere coperto da certificato INPS.


Sia la persona in isolamento che i conviventi devono seguire una scrupolosa igiene delle mani, utilizzando acqua e sapone o, se non è possibile, utilizzando un gel a base idroalcolica.

La persona in isolamento utilizzi preferibilmente asciugamani di carta usa e getta o asciugamano dedicato ad uso esclusivo.

L’igiene delle mani è di particolare importanza nelle seguenti situazioni:

  • dopo aver usato il bagno e ogni volta che le mani sembrano sporche;

  • prima e dopo la preparazione di cibo e prima di mangiare;

  • a seguito di tosse e starnuti (si ricorda che durante tosse e starnuti occorre coprire la bocca e il naso con fazzoletti di carta o con l’interno del gomito).


In caso di positività del tampone (target rilevato, vale a dire infezione in atto ed elevato rischio di trasmissione del virus ad altre persone), dalla data di positività del tampone verrà disposto l’isolamento domiciliare obbligatorio tramite apposita mail dal Dipartimento di Sanità Pubblica. 

La positività del tampone comporta l’obbligo di isolamento domiciliare anche per i conviventi, nonché per i contatti stretti individuati tramite l’indagine epidemiologica.

In caso di negatività del tampone (target non rilevato) si potrà interrompere l’isolamento dal momento della comunicazione dell’esito. 


Fonte: Servizio Sanitario Regionale Emilia Romagna


Seguiteci su: